BUONISSIMO
Seguici

Rigatoni imbottiti

I rigatoni imbottiti si preparano realizzando un ragù con carne, lardo, aglio e cipolle ed aggiungendolo ai rigatoni farciti con ricotta, fior di latte e prosciutto disposti in una teglia per la cottura in forno. Ecco i passaggi per i rigatoni imbottiti.

CHE VOTO DAI?
4.5 Grazie per aver votato!
Rigatoni imbottiti
  • DIFFICOLTÀ: MEDIA
  • VINO: AGLIANICO DEL VULTURE
  • DOSI: 6
  • CUCINA REGIONALE: CAMPANIA
  • TEMPO: 30 min di preparazione 2h 10 min di cottura
  • COSTO: BASSO

Oppure ti potrebbero interessare

Ingredienti

Per il ripieno

Preparazione

  1. Rigatoni imbottiti

    Preparate il ragù: tritate lardo, cipolle, l'aglio e rosolateli in un grande tegame di coccio con l'olio. Tagliate a striscioline il prosciutto, lardellate la carne di manzo e legate con uno spago da cucina le due carni. Versate nel tegame lo strutto e le carni, lasciate rosolare il tutto mescolando per una decina di minuti.

  2. Rigatoni imbottiti

    Sciogliete la passata di pomodoro nel vino ed unitela al soffritto. Aggiungete un bicchiere di acqua calda, i chiodi di garofano, salate, pepate, profumate con il trito aromatico. Lasciate cuocere per un'ora e mezza finchè il ragù non risulterà molto stretto e denso. Scolate la carne che servirete a parte.

  3. Rigatoni imbottiti

    Lessate i rigatoni in abbondante acqua salata, scolateli a metà cottura e disponeteli su un canovaccio ad asciugare. Tagliate il fior di latte e il prosciutto a dadini, metteteli in una terrina, unite ricotta parmigiano uova ed il prezzemolo tritato, salate e pepate. Mescolate bene il composto e farcite i rigatoni.

  4. Rigatoni imbottiti

    Disponete sul fondo di una teglia da forno un paio di mestoli di ragù e distribuitevi i rigatoni a strati, inframezzati dal ragù e dal parmigiano grattugiato. Terminate con uno strato di ragù. Infornate a forno preriscaldato a 190 °C per 30 minuti. Fate riposare 10 minuti prima di servire.

Consigli

Una leggenda narra che questi rigatoni sono nati da un mago, la cui servetta ne rubò la ricetta e la portò al re Federico.Il sovrano, non appena assaggiò il piatto, si entusiasmò e si dimenticò ben presto della sua inappetenza, riconquistando appetito e salute.

Altre ricette correlate

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963