BUONISSIMO
Seguici

Pastori sardi all'attacco, "politici spariti". Centinaio, "Adesso basta!"

Pastori sardi all'attacco, "politici spariti". Centinaio, "Adesso basta!"

Di: ANSA
Pastori sardi all'attacco, "politici spariti". Centinaio, "Adesso basta!"

TRAMATZA (ORISTANO) – I pastori sardi per il momento non torneranno in strada a versare il latte. Ma potrebbero escogitare nuove forme di protesta per farsi sentire e chiedere un prezzo più alto per il prodotto del loro lavoro. Nel frattempo, è stato dato pieno mandato a una delegazione per proseguire le trattative: il 7 marzo è un programma il secondo round in prefettura a Sassari per cercare di chiudere un accordo tra allevatori e industriali caseari. È quanto emerso dall’assemblea di oggi a Tramatza, un incontro molto partecipato che ha coinvolto un migliaio di pastori. Nelle fasi iniziali della riunione diversi delegati hanno denunciato la “sparizione” di molti politici ed esponenti del governo nazionale e regionale, che prima del voto facevano la fila per manifestare solidarietà e appoggio alla battaglia degli allevatori. Durante il dibattito sono stati condannati anche gli ultimi episodi di violenza e minacce nei confronti degli addetti ai trasporti del latte. Rimane, però, ancora senza soluzione la questione del prezzo. L’obiettivo è innanzitutto quello di partire da una soglia minima più alta di quella emersa nel tavolo a Cagliari con il ministro dell’Agricoltura Gian Marco Centinaio e ribadita alla ripresa del negoziato a Sassari: 72 centesimi al litro, la controproposta dei pastori è di arrivare a 80 centesimi subito per raggiungere il traguardo di un euro a fine stagione. In questi giorni gli allevatori attendono anche i movimenti dalla Borsa di Milano per mettere in moto il meccanismo che, attraverso il rialzo del prezzo del Pecorino romano, dovrebbe far sollevare anche il valore del latte sul mercato.Centinaio a pastori,’Basta stupidate!Stiamo lavorando'”Adesso BASTA STUPIDATE! Stiamo lavorando TUTTI per dare una soluzione ottimale alla questione. Il 7 marzo si riunisce nuovamente il tavolo di lavoro con i punti concordati anche da loro!”, cosi’ il ministro dell’Agricoltura Gian Marco Centinaio risponde con un tweet alle critiche mosse oggi dai pastori. Nell’assemblea che si è svolta oggi a Tramatza che ha coinvolto un migliaio di pastori, diversi delegati hanno denunciato la “sparizione” di molti politici ed esponenti del governo nazionale e regionale, che, sottolineano, prima del voto facevano la fila per manifestare solidarietà e appoggio alla battaglia degli allevatori.

Le ricette del giorno

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963