BUONISSIMO
Seguici

Vitello tonnato in doppia salsa

Il vitello tonnato è uno di quei piatti che sembrano venire dalla Francia, forse perché’ tutti lo chiamano vitel Tonné. In realtà sembra che sia italianissimo. Secondo fonti dell’Accademia della cucina di Parma, infatti la ricetta è antichissima ed è nata nel cuneese. Famosa la rivisitazione del Maestro Artusi con “due chiodi di garofani, una foglia d’alloro, sedano, carota e prezzemolo”.

CHE VOTO DAI?
Grazie per aver votato!
Vitello tonnato in doppia salsa
  • DIFFICOLTÀ: MEDIA
  • VINO: -
  • DOSI: 4
  • CUCINA REGIONALE: -
  • TEMPO: 25 min di preparazione5 min di 1h 30 min di cottura
  • COSTO: MEDIO

Oppure ti potrebbero interessare

Ingredienti

Per la salsa verde Per decorare

Preparazione

  1. carne-in-cottura

    Lavate le verdure e tritate grossolanamente la carota e la cipolla. In una pentola larga mettete la spalla di vitello. Irrorate con un po’ di olio. Aprite il fuoco e cuocete a fuoco alto fino a quando la carne non si sarà leggermente colorata. Sfumate con il vino bianco e lasciare cuocere per circa un 10 minuti. Aggiungere l’acqua e gli altri ingredienti, coprire e cuocere a fuoco lento per circa 1 ora e 20 minuti. Una volta cotto spegnete il fuoco, rimuovete la carne dalla pentola e lasciatela raffreddare completamente. Una volta raffreddato tagliate la carne a fettine sottili.

  2. pane-in-ammollo

    In una ciotola versate l’acqua e l’aceto, poi mettete il pane raffermo ad ammollare per circa 5 minuti. Rimuovete i gambi dal prezzemolo e tenete solo le foglie. Togliete il pane dalla ciotola e strizzatelo mettetelo in un frullatore con il resto degli ingredienti. Frullate il tutto a velocità 3. Aggiungendo olio e pepe. La salsa deve risultate della consistenza della maionese, se risulta troppo soda aggiungete un poco di acqua.

  3. salsa-verde-grezza

     
    Togliete il pane dalla ciotola e mettetelo in un frullatore con il resto degli ingredienti. È importante non strizzare il pane. Il pane deve contenere un po’ di acqua per fare in modo che si amalgami con il resto degli ingredienti. Frullate il tutto a velocità 3. Aggiungendo olio e pepe. Se la salsa risulta troppo solida aggiunte ancora un po’ di acqua.

  4. capperi-in-frittura

    Portate l’olio a temperatura di 150 gradi. Strizzate bene, molto bene, i capperi e asciugateli con una carta assorbente. Mettete i capperi in un colino di ferro (non usate la plastica) e friggete per circa 2 minuti. Fate molta attenzione a questa operazione perché potrebbe schizzare un po’ di olio, poiché i capperi contengono acqua. Al temine, non resta che impiattare.

Consigli

Se preferite potete usare i capperi al naturale senza friggerli.

Altre ricette correlate

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963