BUONISSIMO
Seguici

Ricette con Lardo di Colonnata

Il Lardo di Colonnata è un salume tipico della provincia di Massa e Carrara, perfetto per insaporire pizze e focacce, secondi a base di carne e di pesce, perfino dolci. Scopriamo le sue caratteristiche. Lardo di Colonnata

Lardo di Colonnata, proprietà principali

Insieme al lardo di Arnad è senza dubbio uno dei più pregiati: stiamo parlando del lardo di Colonnata, un prodotto IGP realizzato nella provincia di Massa e Carrara riconoscibile dal logo che rappresenta un maiale in campo verde. Non a caso la sua particolarità è quella di essere stagionato in conche – strofinate con l’aglio – fatte con il celebre marmo tipico della zona che ne conferisce una particolare morbidezza, a temperature e grado di umidità controllato. La lavorazione dello strato adiposo prelevato dal dorso del maiale prevede un energico massaggio con sale marino, a cui segue una stagionatura di 6-10 mesi con un mix variegato di spezie ed erbe aromatiche che ogni larderia miscela secondo antiche ricette gelosamente custodite fin dall’antichità. In genere si tratta di pepe, cannella, chiodi di garofano, cumino, coriandolo, noce moscata, cardamomo, salviarosmarino. Il colore è bianco, tendente al rosa, la consistenza umida e morbida, il sapore delicato, dolce e salato allo stesso tempo. Può essere consumato da solo su una fetta di pane, insieme a formaggi e altri salumi, per insaporire piatti a base di coniglio e di pollo, perfino di pescecrostacei e dolci tradizionali.

Lardo di Colonnata, valori nutrizionali

Il lardo di Colonnata fornisce 891 calorie ogni 100 g e può essere inserito nella categoria dei condimenti come l’olio extravergine d’oliva, nonostante abbia valori nutrizionali ben diversi. Contiene perlopiù grassi, in prevalenza saturi e colesterolo, ma anche omega-3 e omega-6, mentre non presenta quantitativi significativi di vitamine o sali minerali.

Lardo di Colonnata, benefici e controindicazioni

Il lardo di Colonnata può essere inserita in qualsiasi dieta a patto che se ne faccia un uso estremamente moderato. Svolge infatti azioni benefiche nella regolazione ormonale e sul sistema riproduttivo, nello scambio cellulare, sul cervello e sul sistema immunitario, oltre ad aumentare il senso di sazietà. Tuttavia è da evitare in caso di obesità, colesterolemia, difficoltà digestive, patologie gastriche o reflusso gastroesofageo.

LEGGI TUTTO
  1. Crostini con lardo e pomodorini
  2. Filetto di maiale al lardo di Colonnata

Le ricette del giorno

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963