Buonissimo
Seguici

Torta salata parigina

A differenza del nome, che potrebbe ingannare, la torta salata parigina è una torta rustica campana (napoletana, per l’esattezza). Basta assaggiarla per capirne il motivo: si tratta di una via di mezzo tra la classica pizza margherita e un tradizionale rustico di pasta sfoglia farcito.

Ma se è napoletana, perché si chiama “parigina”? La tradizione vuole che le sue origini risalgano ai tempi dei Borboni, quando alla corte napoletana c’erano molti cuochi francesi. Altri, invece, la associano al dialetto napoletano: “parigina” starebbe per “pa’ regin‘”, in italiano “per la regina”, perché questa torta salata sarebbe stata preparata per la prima volta per una sovrana.

A differenza della pizza, che viene gustata prevalentemente di sera, la parigina si trova facilmente in tutti i bar e le rosticcerie di Napoli al mattino e a ora di pranzo. Ottima e pratica da mangiare anche in piedi, per strada, ideale per una pausa pranzo veloce e sostanziosa, questa torta salata – forse poco conosciuta fuori regione – è assolutamente da provare e non difficile da realizzare. Nel nostro caso vi suggeriamo di utilizzare della pasta sfoglia già pronta, per accorciare i tempi e facilitare la preparazione.

Vota:
CHE VOTO DAI?
5 Grazie per aver votato!
Torta salata parigina
  • DIFFICOLTÀ: Facile
  • ABBINAMENTO: Garda DOC Riesling Italico
  • COSTO: Economico
  • CUCINA REGIONALE: -
  • DOSI PER: 4 Persone
  • CALORIE: -
  • TEMPO: 30 min di preparazione 2h di lievitazione30 min di cottura
Oppure ti potrebbero interessare

Ingredienti

Preparazione

  1. acqua e farina

    Iniziate la preparazione realizzando un tradizionale impasto da pizza: versate la farina a fontana e al centro ponete l’acqua e il lievito. Iniziate a impastare con delicatezza fino a far assorbire tutta l'acqua. Aggiungete, poi, all’impasto un pizzico di sale e un filo d’olio.

  2. Pizza in teglia

    Continuate a impastare fino a formare un panetto morbido e omogeneo, poi riponetelo in una ciotola, coprite con un canovaccio e lasciatelo lievitare per circa due ore. Trascorso il tempo di lievitazione, stendete la vostra pasta da pizza su una spianatoia e realizzate una sfoglia rettangolare alta circa 3 mm.

  3. Prosciutto cotto

    Ungete una teglia da forno rivestita da carta forno con dell’olio, poi stendete la pasta per la pizza sul fondo. Prendete il prosciutto cotto e realizzate uno strato coprendo tutta la pasta. Aggiungete, poi, il pomodoro e condite con olio e sale. Infine aggiungete uno strato di provola tagliata a fette sottili.

  4. Pizza bucherellata in teglia

    Prendete la pasta sfoglia (anche in questo caso il foglio deve essere rettangolare) e chiudete bene la torta salata. Attenzione: sigillate bene i bordi della parigina, aiutandovi con una forchetta, poi spennellate la superficie con un po' di latte e bucherellate la parte superiore con i denti di una forchetta.

  5. Torta salata parigina appena sfornata

    Infornate la vostra torta salata parigina in forno già caldo a 190° C e cuocete per circa 30 minuti. Quando la superficie sarà ben dorata, sfornatela e lasciate intiepidire, poi tagliatela a tranci e gustatela appena tiepida e filante!

Altre ricette correlate

© Italiaonline S.p.A. 2023Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Condividi
Annulla