Buonissimo
Seguici

Ricette con Farina 0

La farina 0 è uno degli ingredienti cardine della nostra gastronomia: la si utilizza per preparare pasta fresca e lievitati dolci e salati, ma anche nelle salse. Conosciamo le sue caratteristiche. Sulla destra un sacchetto di carta di farina 0 in parte rovesciata su un tavolo in legno; sspighe di grulla sinistra quattro spighe di grano

Farina 0, proprietà principali

La farina 0 è un prodotto che deriva dalla molitura del grano tenero, che si differenzia dalla farina di grano duro, la semola, per la grana più fine e dal colore bianco latte. In particolare la 0 fa parte delle farine raffinate, ossia quelle in cui il tasso di estrazione di crusca, germe di grano e strato aleuronico – parti del chicco dall’ottimo valore nutritivo – è decisamente alto: in questo caso specifico il grado di abburattamento è di circa l’80%. A differenza della farina 00 – impiegata nella preparazione di torte a lievitazione chimica come il plumcake, biscotti e crostate, oppure in creme e salse come la besciamella -, la farina 0 è più forte ed è quindi preferibile quando si vuole preparare la sfoglia all’uovo, la pasta frolla, l’impasto per pizza e per le brioche., a patto che siano a breve lievitazione. La più usata è la Manitoba, prodotta in Canada e perfetta per lavorazioni più complesse come la Colomba o il Panettone.  Da preferire sempre le varietà macinate a pietra che per la lavorazione non prevedono alte temperature che deteriorano la qualità dei nutrienti contenuti.

Farina 0, valori nutrizionali

La farina 0 fornisce 286 calorie ogni 100 g. Contiene perlopiù carboidrati complessi – amido – e una parte decisamente inferiore di fibra proteine a medio valore biologico, mentre i grassi sono pressoché trascurabili. Tra le vitamine sono rappresentate quelle del gruppo B, mentre tra i sali minerali ricordiamo buone quantità di potassio, fosforo, calcio, ferro e sodio.

Farina 0, benefici e controindicazioni

All’interno di una dieta bilanciata, consumata saltuariamente la farina 0 non presenta grandi controindicazioni. Tuttavia, a differenza della farina integrale e della semintegralefavorisce l’incremento della glicemia e dell’insulina, fattori che portano all’accumulo di grassi e all’indebolimento dell’organismo, esponendolo maggiormente a malattie come il diabete tipo 2, l’obesità e alcuni tipi di  tumori. Per questi motivi, si consiglia di limitarne l’uso.

 

 

  1. focaccia barese
  2. Piadina squacquerone, crudo e rucola
  3. Canederli: caratteristiche e usi in cucina dei gnocchi di pane tirolesi
  4. Torta di mele senza burro, soffice e gustosa HEALTHY
  5. Nidi di rondine con prosciutto cotto e formaggio
  6. ossobuco-in-gremolada
  7. Pancakes senza uova con sciroppo d'acero HEALTHY
  8. Okonomiyaki
  9. crocchette
  10. biscotti al cioccolato e mandorle HEALTHY

Le ricette del giorno

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963