BUONISSIMO
Seguici

Bonet all'astigiana

Buono il bonet! Quello di Torino, detto anche “all’astigiana”, proviene da antichissime tradizioni piemontesi, quelle reali a quanto pare, che lo vedono protagonista di sfarzosi banchetti di corte. Ma da dove prende il suo nome curioso?

A quanto pare questo dolce al cioccolato con un retrogusto di amaretto prende il nome dallo stampo in cui veniva preparato in origine: un tegame in rame che ricordava la forma particolare di un cappello da cuoco, che in dialetto era definito “bonet ad cuisin”.

Un consiglio utile per preparare questo dolce al cucchiaio è quello sulla cottura: quando cuocete il budino a bagnomaria, fate attenzione che l’acqua non raggiunga mai l’ebollizione. Solo così il vostro bonet risulterà bello liscio e senza bolle d’aria.

Altro consiglio, se avete un po’ più di tempo e poca voglia di seguire la cottura:

potete anche impostare una temperatura del forno più bassa, circa a 150°C, e prolungare i tempi di cottura arrivando fino a un’ora.

Come si prepara il bonet all’astigiana? Questo dolce piemontese si fa con una base di amaretti e cacao, miscelati e cotti in forno con il latte, e infine messe a raffreddare in frigorifero per almeno 4 ore. Ecco i passaggi per preparare il goloso bonet!

CHE VOTO DAI?
Grazie per aver votato!
Bonet all'astigiana
  • DIFFICOLTÀ: MEDIA
  • VINO: -
  • DOSI: 6
  • CUCINA REGIONALE: PIEMONTE
  • TEMPO: 30 min di preparazione 4h di raffreddamento30 min di cottura
  • COSTO: BASSO

Oppure ti potrebbero interessare

Ingredienti

Per il caramello

Preparazione

  1. Bonet all’astigiana

    In un pentolino portare ad ebollizione il latte assieme alla scorza di limone; in una scodella sbattere le uova con lo zucchero conservandone 2 cucchiai e montare accuratamente, filtrare il latte caldo aggiungendolo alle uova ma conservandone mezzo bicchiere.

  2. Bonet all’astigiana

    In un'altro recipiente mescolare il latte conservato col cacao e i due cucchiai di zucchero, formando una crema ponendo il recipiente su fiamma bassa e mescolando continuamente. Al termine farla raffreddare e tenetela da parte.

  3. Bonet all’astigiana

    In una scodella sbriciolare grossolanamente gli amaretti bagnandoli con il rum.

  4. Bonet all’astigiana

    Con i 50 grammi di zucchero preparare il caramello col quale andrà foderato lo stampo oppure i 6 stampi singoli, a scelta, suddividere poi il composto negli stampi e appena sarà livellato distribuire gli amaretti sulla superficie.

  5. Bonet all’astigiana

    Cuocere gli stampi in forno a 180 gradi ed a bagnomaria per circa 30 minuti, accertandosi con uno stecchino che il bonet sia consistente prima di toglierlo dal forno. Lasciare raffreddare in frigorifero per almeno 4 ore prima di servire in tavola con la crema al cioccolato.

Altre ricette correlate

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963