BUONISSIMO
Seguici

Granseole alla Triestina

Le granseole alla triestina vengono preparate utilizzando pochi ingredienti: olio, prezzemolo, sale e pepe, che andranno a condire la polpa delle granseole che verranno prima bollite per 10 minuti. Ecco i passaggi per le granseole alla triestina.

Granseole alla Triestina VAI ALLA RICETTA PER IMMAGINI
  • DIFFICOLTÀ: MEDIA
  • VINO: -
  • DOSI: 6
  • CUCINA REGIONALE: FRIULI-VENEZIA GIULIA
  • TEMPO: 50 min di preparazione15 min di cottura
  • COSTO: MEDIO

Oppure ti potrebbero interessare

Ingredienti

  • Granseole 6 fresche
  • Olio di oliva extravergine 6 cucchiai
  • Prezzemolo 2 cucchiai
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

Preparazione

  1. Granseole alla Triestina
    In una pentola molto capiente portate ad ebollizione dell'acqua e tuffatevi dentro le granseole. Coprite velocemente con il coperchio e lasciate bollire a fuoco medio per 10 minuti.
  2. Granseole alla Triestina
    Fate raffreddare le granseole nell'acqua di cottura, quindi prendetene una, afferrate con una mano il guscio dorsale e con una le zampe: tirate delicatamente cercando di staccare il dorso e di conservarlo intero. Lavate il guscio con dell'acqua calda e mettetelo da parte, servirà come coppetta per presentare la granseola.
  3. Granseole alla Triestina
    Con uno schiaccianoci spezzate le zampe e le chele, estraete la polpa e raccoglietela in una terrina. Pulite e raccogliete la carne rimasta sulla corazza ventrale e aggiungetela a quella delle chele. Procedete così con le granseole rimaste, prelevando dall'acqua solo la granseola che dovete pulire.
  4. Granseole alla Triestina
    Condite la polpa con olio, sale e pepe, mescolate bene e distribuite in parti uguali nei sei gusci che avevate messo da parte. Spolverate con il prezzemolo tritato e servite.

Consigli

Le granseole sono dei crostacei molto delicati, qall'acquisto prendete solamente quelle vive, preferite sempre quelle che si presentano a pancia all'aria, quelle che son messe a pancia in giù di solito non sono troppo fresche ma soprattutto tendono a perdere più facilmente i liquidi, quindi sono molto più vuote. La stagione migliore per le granseole è la primavera: hanno la polpa molto più ricca. Dopo averle bollite, lasciatele raffreddare nel liquido di cottura.

VAI ALLA RICETTA PER IMMAGINI

Altre ricette correlate

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963