BUONISSIMO
Seguici

Ricette con Mirin

Ingrediente fondamentale nella cucina giapponese, il mirin è uno speciale sakè dolce che si contrappone alla soia salata, da aggiungere in alcune salse come la teryaki. Ne esistono di tre tipi: scopriamo il suo utilizzo Mirin

Mirin, proprietà principali

Il mirin è un vino di riso aromatico, uno speciale sakè giapponese (bevanda alcolica nata dalla fermentazione del riso) in versione dolce da usare in cucina. Le materie prime sono riso glutinoso cotto a vapore e liquore di riso. Più dolce e denso ma anche meno alcolico del sakè, è un elemento fondamentale per la marinatura, per la preparazione dei brodi e altri condimenti. Esistono in commercio tre tipi di mirin: il vero mirin è chiamato Hon Mirin ed ha la gradazione alcolica più alta (14%); Shio Mirin: ha un grado alcolico massimo di 1,5%; Shin Mirin o “mirin stagionale”, ha meno dell’1% di alcol e un sapore più delicato. La sua storia è antichissima e inzialmente era bevuto come bevanda leggermente alcolica per poi cominciare a essere utilizzata in cucina. Il suo colore dorato, leggermente ambrato, rende i cibi più brillanti e appetitosi, come se fossero glassati. Si trova nei negozi specializzati in prodotti orientali, in quelli biologici oppure online ma qualora non fosse facile reperirlo è possibile potete sostituirlo con del marsala, dello sherry, del vino bianco secco, quest’ultimo anche addizionato al miele. È alla base della salsa teriyaki da spennellare su spiedini di pollo o anguilla arrosto ma viene impiegato pure nella la salsa ponzu e nella tsuyu, quest’ultima composta da brodo dashi e da un misto di salsa di soia, mirin e zucchero. Dona un particolare aroma a brodi e zuppe, si può mescolare a una salsa per saltare noodles e riso in padella ed è uno speciale ingrediente quando si prepara il riso per sushi. Inoltre, sta bene con i piatti a base di uova e, come il rum o l’alchermes, è versatile persino nei dolci, in cui dona un tocco di dolcezza a torte alla frutta e a basi al tè matcha.

Mirin, valori nutrizionali

1 cucchiaio di mirin (circa 17 grammi) conta 25 calori calorie, 130 milligrammi di sodio, 7 grammi di carboidrati, 1 grammo di proteine, 14% di gradazione alcolica.

Mirin, benefici e controindicazioni

Oltre ai bassi livelli di alcool, il mirin contiene elevate quantità di carboidrati e per questo motivo il mirin va usato con moderazione e in quantità limitate. Non contiene nutrienti importanti, quindi non aggiunge nulla a livello nutrizionale ma insaporisce i cibi senza aumentare in modo significativo il carico calorico. Un suo consumo sregolato può alterare i livelli dizucchero nel sangue mentre il sale favorire l’ipertensione.

LEGGI TUTTO
  1. Costine di maiale ai semi di sesamo
  2. Onigiri
  3. Pesce brasato in salsa di peperoncino e aglio
  4. Tagliolini soffritti con salmone
  5. Futomaki
  6. Gamberi agrodolci
  7. Tagliolini cinesi
  8. Anatra alla pechinese
  9. Tagliolini di grano con trota
  10. Gamberi ai porri

Le ricette del giorno

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963