BUONISSIMO
Seguici

Ricette con Semi di girasole

I semi di girasole sono di due varietà diverse che vale la pena conoscere per le loro proprietà benefiche, una fra tutte riguarda i livelli del colesterolo: spesso fuori norma. Ecco tutti i dettagli Semi di girasole

I semi di girasole sono il frutto della specie Helianthus annuus. In commercio ce ne sono sia neri che striati. In entrambi i casi, i benefici sono molteplici e conoscerli può dare una marcia in più in termini di prevenzione dell’organismo: il tempio dell’uomo.

Semi di girasole, le caratteristiche

I semi di girasole possono essere lunghi dai 6 ai 10 millimetri. Tanto piccoli quanto salutari, sono caratterizzati da un sapore dolce e da una consistenza croccante. È piacevole mangiarli anche da soli a mo’ di snack dietetico (se consumati con parsimonia) e comodo da consumare fuori casa. Rispetto ad altri spuntini hanno una marcia in più: rappresentano una fonte notevole di nutrienti che il corpo è bene che incameri. Le vitamine, i minerali e i grassi essenziali sono, per l’appunto, indispensabili.

Semi di girasole, i valori nutrizionali

Ogni 100 grammi di semi di girasole secchi ci sono 584 kcal. Di queste, 20 g sono carboidrati; 2,62 g sono zuccheri; 8,6 fibre. Contengono inoltre 51,46 g di grassi, di cui: 4,45 sono saturi; 18,52 g monosaturi e 23,13 polisaturi. 20,78 g sono proteine vegetali e poi ci sono molte vitamine che fanno bene all’organismo. Si trova una discreta quantità di quelle del gruppo B: 1,48 mg di B1; 0,35 mg di B2; 8,33 di B3; 1,13 mg di B5; 1,34 di B6 e 227 mcg di B9. Inoltre ci sono 55,1 mg di colina; 1,4 mg di vitamina C; 35,17 mg di vitamina E. I sali minerali, poi, sono così suddivisi: 78 mg di calcio; 5,25 di ferro; 325 mg di magnesio; 1,95 mg di manganese; 660 mg di fosforo; 645 mg di potassio, 9 di sodio e 5 di zinco.

Semi di girasole, i benefici e le controindicazioni

I semi di girasole contengono fitoestrogeni, degli ormoni vegetali che aiutano a prevenire alcune patologie tumorali e cardiovascolari. Inoltre si tratta di un alimento prezioso per chi è in menopausa e soffre di osteoporosi. Sono potenti antiossidanti, antibatterici e antinfiammatori naturali. Sono ottimi per mantenere sano il cuore e il sistema cardiocircolatorio. Il magnesio fa bene ai muscoli, il calcio alle ossa e aiutano pure il tono dell’umore. Questi semi così piccoli sono salutari per la pelle, che rimane giovane e tonica più a lungo.

Tra i tanti benefici, vanno segnalati anche alcuni effetti indesiderati. I semi di girasole, infatti, sono anche in qualche misura calorici. Un eccessivo consumo, quindi, può causare qualche problema di sovrappeso. Inoltre, possono essere dannosi in caso di intolleranze o allergie: se non si sono mai provati prima, è bene fare un tentativo con piccolissime quantità e monitorare la comparsa di eventuali reazioni anomale. La loro assunzione non è consigliata nei bambini di età inferiore ai quattro anni perché potrebbero essere causa di soffocamento, vista la loro dimensione particolarmente ridotta.

I semi di girasole germogliati sono un ottimo condimento per panini, vari prodotti da forno (come le piadine, le pizze o le focacce) oppure sono perfetti da aggiungere all’insalata capricciosa e non. Da questo alimento si ricava anche l’olio di semi di girasole e anche il burro (anche se meno conosciuto).

LEGGI TUTTO
  1. Torta di zucca e radicchio
  2. Insalata del contadino
  3. Polpette di fagioli
  4. Carote arrostite con salsa tahin
  5. Hamburger di ceci
  6. Chirashi
  7. Insalata ai germogli di soia

Le ricette del giorno

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963