BUONISSIMO
Seguici

Pangrattato

Il pangrattato si ottiene dalla pestatura o dalla macinatura del pane, generalmente di quello secco o raffermo, oppure delle fette biscottate.

Pangrattato VISUALIZZA TUTTE LE RICETTE 45

Il pangrattato si ottiene dalla pestatura o dalla macinatura del pane, generalmente di quello secco o raffermo, oppure delle fette biscottate. Si tratta di un prodotto largamente utilizzato in cucina nella preparazione di svariate ricette, ma quali sono le sue caratteristiche? Scopriamole insieme.

Pangrattato, caratteristiche nutrizionali

Essendo un derivato del pane, il pangrattato ne condivide caratteristiche organolettiche e nutrizionali. Ogni 100 grammi di prodotto, infatti, contengono 395 calorie. Esistono però, naturalmente, differenti tipologie di pangrattato, che rimandano alla varietà di pane da cui è ottenuto.

Pangrattato, le varietà

Le più comuni varietà di pangrattato sono la bianca e la bionda. La prima si ottiene dalla macinatura della mollica di pane, passata al setaccio e grattugiata. Di solito questa varietà di pangrattato dura meno rispetto alle altre, va quindi utilizzata subito per condire piatti da cucinare al momento, come magari una panatura di pesce. L’altra varietà classica di pangrattato è la bionda, ottenuta dalla macinatura della crosta e di una minima percentuale di mollica del pane raffermo o delle fette biscottate. In questo caso si può conservare in barattoli e consumarla anche dopo mesi, fino a un anno. Molto caratteristico e gustoso, poi, è il pangrattato aromatizzato che si ottiene dalla macinatura di pane con erbe, le stesse che ne facilitano la conservazione e ne conferiscono un gusto speziato.

Bocconcini di pollo al forno

Pangrattato, come conservarlo

Il pangrattato va consumato in barattoli di vetro e in luoghi freschi e asciutti, oppure in un sacchetto di pane, lo stesso magari del pane da cui è stato ottenuto. Utile può essere anche un recipiente ermetico, ma in questo caso non va riempito fino al bordo. Da evitare, in qualsiasi caso, la conservazione in frigo. Può essere utile, inoltre, aggiungere al pangrattato dell’alloro tritato, che aumenterà il tempo di conservazione dello stesso.

Pangrattato, come farlo in casa

Oltre che acquistarlo già bello e pronto, si può preparare tranquillamente il pangrattato in casa usando l’accorgimento di tagliare a fette tutte uguali il pane a filoni o di tagliare in due il pane tipo michette, quindi metterlo in un unico strato nel forno a circa 200 gradi girandolo su ambedue i lati quando ha preso un colore nocciola. A questo punto, poi, si può tagliarlo a pezzi per metterli nel frullatore.

Pangrattato, le ricette

Il pangrattato è ingrediente fondamentale praticamente di quasi tutti i tipi di fritture e impanature presenti nella nostra cucina. Tra le ricette più originali si possono citare la classica zuppa di pangrattato, o la più delicata minestra di pangrattato. Molto caratteristiche sono le melanzane al forno con pangrattato, o i medaglioni di vitello in pangrattato. Originali e stuzzicanti sono poi le capesante in padella con pangrattato e prezzemolo, ma il pangrattato è ingrediente fondamentale anche di molti tipi di tortino come questo, praticamente di tutti i tipi di polpette oppure di cotolette (originalissima questa particolare ricetta). Col pangrattato si possono impanare verdure, funghi, ortaggi, mentre ai più piccoli piacciono soprattutto piatti sfiziosi come le crocchette di patate al forno. Col pangrattato si possono condire e impreziosire anche frutti di mare, sformati e vari tipi di uova, ma una ricetta che va assolutamente provata è quella della pasta ammudicata: davvero deliziosa.

Le ricette del giorno

Trova velocemente le tue ricette:
aggiungi Buonissimo alla scrivania
del tuo computer!

+ AGGIUNGI ALLA SCRIVANIA

Ti suggeriamo anche

Pangrattato Ricette top

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963