BUONISSIMO
Seguici

Storia e origini della torta di rose

Scenografica e speciale, la torta di rose è un dolce buonissimo e bellissimo a vedersi. Scopri storia, ricetta originale e varianti.

storia della torta di rose

La torta di rose è un dolce che deve il suo nome alla forma dell’impasto, composto di fatto da una serie di rose profumate al rum e ripiene di uva passa e nocciole. Di fatto ha la consistenza di un pan brioche, morbida e leggera, perfetta per una colazione avvolgente o una merenda sfiziosa. Tradizionalmente viene realizzata a forma di cuore e il motivo sta nella sua origine romantica.

Come è nata la torta di rose

Le origini della torta di rose risalgono alla fine del XV secolo quando venne creata dal cuoco Cristoforo di Messisbugo per le nozze tra Isabella d’Este e Francesco II di Gonzaga. Il dolce ottenne un grandissimo successo tanto che da quel momento entrò nella cultura gastronomica mantovana e ad oggi è ancora uno dei dolci più consumati e preparati nelle zone tra Mantova e Brescia.

Una torta molto elegante ispirata alla bellezza della fanciulla a cui era originariamente destinata, con la sua forma che ricorda un cesto di boccioli di rose e disposte in cerchio fino a riempire lo stampo a cuore. Tradizionalmente viene preparata in primavera, ma a casa è buona sempre.

Torta di rose: ricetta originale

Per preparare la torta di rose si comincia con l’impasto: sulla spianatoia, bisogna amalgamare la farina setacciata, il lievito sciolto nel latte e un cucchiaio di zucchero. Il tutto va impastato e poi arrotolato per formare una palla che, coperta con un canovaccio, deve riposare per mezz’ora.

Dopo questo periodo di lievitazione, si può incorporare al panetto lo zucchero rimasto, il burro ammorbidito e tagliato a tocchetti, l’uovo leggermente sbattuto e il sale. L’impasto va quindi lavorato ulteriormente fino ad ottenere un impasto molto elastico e, se necessario, aggiungere poca farina.

La pasta pronta va appallottolata, coperta con un canovaccio e lasciata riposare per un’altra ora. Dopo questo secondo tempo di lievitazione, bisogna dividere la pasta in 2 porzioni uguali e tirarle con il mattarello per ottenere due lunghi rettangoli.

A parte, bisogna preparare gli ingredienti per la farcitura, ammollando l’uva passa nel rum, strizzandola con cura e tritandola grossolanamente. Una volta grattugiata la scorza di limone e tritate le nocciole, si amalgama il tutto, rum compreso, si aggiunge l’acqua di rose e le uova leggermente sbattute.

La farcitura va spalmata sui 2 rettangoli di pasta che poi si arrotolano e si tagliano in fette alte circa 5 cm. le fette vanno affiancate in uno stampo imburrato, da coprire con un canovaccio per lasciare riposare mezz’ora prima di cuocere per 30 minuti nel forno già caldo a 200°C.

La torta di rose solitamente si serve con una spolverata di zucchero a velo ma può essere farcita con creme tipo Nutella o crema pasticcera.

I segreti per un’ottima torta di rose

La torta di rose prevede l’impiego del lievito di birra fresco ma può essere sostituito con lievito di birra secco (ne basteranno 4 grammi). Infatti, la lievitazione dà a questa torta una consistenza alta e morbida, che senza lievito non sarebbe possibile.

Per quanto riguarda gli altri ingredienti della ricetta, bisogna considerare che la temperatura del latte deve essere tiepida; quindi, non deve essere caldo ma nemmeno freddo da frigorifero. Anche il burro deve essere morbido, quindi si consiglia di usare o un panetto appena acquistato dal supermercato o di tirarlo fuori dal frigo almeno 2 ore prima del suo utilizzo.

Questa torta può essere conservata avvolta nella pellicola trasparente in frigo per 3 giorni o in un porta torte che permette di mantenerne l’umidità e non la fa seccare troppo, ma è buonissima soprattutto appena fatta.

Le varianti della torta di rose

La torta di rose è una preparazione dolce, nata come torta per festeggiare una coppia di innamorati. Tuttavia, è possibile preparare anche una torta di rose salata, che diventa un rustico soffice, con il sapore del prosciutto abbinato a quello delle olive verdi e della scamorza.

Tuttavia, anche la versione dolce ha delle varianti. Chi non apprezza l’uva passa, ad esempio, può provare la torta alle rose di mela, a forma di cuore, dove le fettine di mela diventano fragranti petali di rosa che guarniscono la torta.

Esiste però anche una ricetta dolce di torta di rose semplice senza l’uva passa, ma profumata al limone e semplice da realizzare, la torta delle rose a base di farina, burro e uova.

Le ricette del giorno

© Italiaonline S.p.A. 2023Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963