BUONISSIMO
Seguici

Apple pie, storia della torta più famosa d'America

La torta della nonna 2.0 dal profumo inconfondibile, dal guscio croccante e un generoso ripieno di mele

Apple pie, storia della torta più famosa d'America

Appletaarte in Germania, tarte tatin in Francia, äppelkaka in Svezia, torta di mele in Italia. La Apple pie è la torta americana per antonomasia, quella che nel 1902 il New York Times definì “il sinonimo americano di prosperità”. Un simbolo così importante che i soldati in battaglia combattevano al grido di “Per la mamma e per l’Apple Pie” e diventando, poi, anche torta di Stato nel Vermont. In realtà, l’Apple Pie sta agli americani come la Gioconda sta ai francesi. C’è, infatti, un tassello storico da aggiungere per capire come questo dolce di origine inglese sia finito in America. Si fa risalire la sua nascita alla fine del XIV secolo e solo dopo la scoperta dell’America giunse con i coloni in quello che allora chiamarono Nuovo Mondo. Proprio qui venne perfezionata come la conosciamo noi oggi: mentre nel Vecchio Continente somigliava più a un pasticcio di carne, l’impasto oltreoceano divenne più fragrante, riempito con un abbondante strato nascosto di mele e chiuso da un guscio croccante, come a proteggerle.

5 curiosità a tema Apple pie che forse non conoscevi

  1. “As american as an Apple Pie”. Oggi è talmente tipica negli Stati Uniti che si usa un’espressione idiomatica abbastanza caratterizzante, “americano come una torta di mele”, per indicare ad esempio un oggetto.
  2. Negli Stati Uniti ha una sua Festa Nazionale. Da qualche anno l’Apple Pie Day si festeggia ogni 13 maggio, naturalmente con una fetta di torta in mano da comprare in una bakery house o, meglio ancora, da realizzare con le proprie mani.
  3. Senza Apple Pie non è Ringraziamento. Come il tacchino ripieno, questo dolce non può mancare durante il Thanksgiving, tra le più sentite tradizioni del popolo americano.
  4. Ice cream pairing. Per andare in visibilio, il consiglio è di provarla insieme a una pallina di gelato alla vaniglia mentre la fetta sarà ancora calda.
  5. C’entra pure Pollock. Nel 2015 il Vittoriano a Roma ospitò la mostra “Dinner with Jackson Pollock: Recipes, Art & Nature“, un progetto fotografico che mostrava scene di vita casalinga dei coniugi Pollock e dove figurava anche la torta di mele del pittore statunitense, suo grande cavallo di battaglia, che sfoggiava alle cene con amici.

Se abbiamo solleticato la vostra curiosità, qui trovate la nostra ricetta della vera Apple Pie!

Le ricette del giorno

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963