BUONISSIMO
Seguici

Passata di pomodoro: come si sceglie. Colore, etichetta e origine

Tutti i trucchi per acquistare un prodotto fresco e salutare. Passata di pomodoro: come si sceglie. Colore, etichetta e origine

Condimento ideale per piatti tipici della nostra tradizione culinaria come pasta, pizza o parmigiana di melanzane, la passata di pomodoro, regina delle conserve, è uno dei prodotti confezionati più  acquistati dagli italiani (ogni famiglia ne consuma circa 12 kg l’anno).

Spesso però ci troviamo a contemplare perplessi i banconi del supermercato ricolmi di lattine di passata. Quale scegliere? Esistono degli indicatori di qualità che possono aiutarci nella nostra ardua impresa.

Ecco quali.

L’etichetta e i suoi segreti
Quante volte abbiamo tralasciato il codice di numeri e lettere presenti sulle lattine o sulle bottiglie di passata. Contiene invece alcuni elementi fondamentali per verificare la freschezza del prodotto. Ecco come decodificarlo:
La prima lettera: indica l’anno di confezionamento: il 2013 è indicato da una H, il 2012 da una M, il 2011 da una E, il 2010 da una N
I tre numeri successivi: indicano il giorno di confezionamento dell’anno: da 1 (primo gennaio) a 365 (31 dicembre). Un dettaglio molto interessante: se scegliamo una passata con numero tra 200 e 280, vuol dire che è stata confezionata tra luglio e settembre, quindi appena dopo il raccolto. Se invece il numero è precedente, potrebbe trattarsi di pomodori del raccolto precedente, semilavorati al momento e conservati per un certo periodo prima del confezionamento
I conservanti: verificate la presenza di additivi o conservanti, alla passata di pomodoro può essere aggiunto l’acido citrico come correttore di acidità
Lo stabilimento di produzione: occhio, sull’etichetta, alla voce “stabilimento di produzione”, è un’indicazione fondamentale per scoprire chi fabbrica ed elabora le materie prime, indipendentemente dal marchio con cui il prodotto è venduto

L’origine della materia prima
Un discorso a parte merita l’origine della materia prima. Sarebbe fondamentale, infatti, per il consumatore, poter verificare se i pomodori con cui è prodotta la passata provengano eventualmente da “zone a rischio” (come nel caso dei pomodori contaminati provenienti dalla Terra dei Fuochi portato alla ribalta dalla trasmissione Le Iene). Purtroppo, ad oggi, non è obbligatorio per legge indicare sull’etichetta la provenienza esatta dei pomodori.

E’ quindi importante che i consumatori si facciano sentire per migliorare le leggi vigenti in tema di tracciabilità alimentare.

Una passata di buona qualità: le caratteristiche
Ecco gli elementi per riconoscere una passata di buona qualità:
•    Colore: rosso vivo ed uniforme (indica che i pomodori hanno raggiunto il giusto grado  di maturazione)
•    Odore: profumo gradevole e delicato, se appena aperto il barattolo sentite odori strani e aciduli e notate la formazione di muffe che indicano il cattivo stato di conservazione, procedete a buttare tutto
•    Consistenza: densa e cremosa, non troppo acquosa
•    Sapore: morbido, con acidità poco percettibile al palato

La lattina
È preferibile scegliere passate di pomodoro conservate in lattine verniciate internamente per evitare la formazione di ruggini.

LEGGI TUTTO
  1. Ragù alla bolognese semplice
  2. Risotto alla pizzaiola
  3. Pasta con calamari e gamberi
  4. Pasta rossa con calamari e gamberi
  5. Pizzette di ragni e mummie
  6. Petti di pollo alla pizzaiola
  7. Arrosticini di pecora al sugo

Le ricette del giorno

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963