BUONISSIMO
Seguici

Le virtù eccezionali di verdure insospettabili

Un terzo dei prodotti alimentari finisce nella spazzatura solo per il suo aspetto, nonostante molte persone soffrano la fame

Un terzo dei prodotti alimentari finisce nella spazzatura solo per il suo aspetto, nonostante molte persone soffrano la fame. La Tomatina, ad esempio, è un festival spagnolo che spreca 150 tonnellate di pomodoro ogni anno. Ma chi penserebbe mai che il 90% di pomodori commestibili vengano buttato via solo perché hanno un brutto aspetto?

Come spiega il coltivatore spagnolo Marc Farrès, coordinatore di Espigoladors, “un terzo del cibo prodotto nel mondo finisce nella pattumiera. Se consideriamo l’intera catena di produzione, lavorazione e distribuzione, in Spagna vengono sprecati 135 chili di cibo pro capite. Una grande quantità di alimenti non viene nemmeno venduta per colpa del suo aspetto. La nostra missione è recuperare il cibo rovinato e renderlo godibile”.

“Circa il 20% dei cittadini spagnoli – prosegue Farrés – non ha accesso diretto al cibo, specialmente frutta e verdure fresche, e dipende dalla carità e dalle Onlus. Espigoladors è un progetto sociale. Doniamo cibo a queste organizzazioni, lavoriamo con più di 70 produttori. Ci chiamano quando il raccolto è quasi pronto e quando hanno prodotti che non possono essere venduti. Il 95% dei prodotti viene dato in beneficenza. Il resto va alle industrie che ne fanno paté, marmellate e creme di verdure”.

Verdure d'estate

Il tempo è denaro e quando ricevono una telefonata da uno dei fattori associati, si affrettano a raccogliere frutta e verdura prima che marciscano. “Prima che tutto venga distrutto dai trattori ci vengono concesse 48 ore per completare la raccolta”, spiega il coordinatore di Espigoladors. Questa iniziativa non potrebbe sopravvivere senza i volontari che raccolgono e distribuiscono i prodotti freschi. “Raccolgo cetrioli, bietole, patate, cavoli, carciofi, un po’ di tutto in realtà”, raccolta una di loro.

“La nostra società è ossessionata dall’aspetto estetico e questo vale anche per il cibo. Se un alimento è commestibile ma non ha un bell’aspetto non può essere venduto. Ciò significa che moltissime cose vengono buttate, mentre c’è chi soffre la fame. È una cosa che proprio non capisco”, si rammarica un altro volontario. “L’anno scorso abbiamo recuperato 383 tonnellate di cibo. Il nostro modo di lavorare può essere esportato ovunque”, assicura Farrès che chiude con un messaggio di speranza: “Il futuro è incoraggiante. Le modalità di consumo stanno cambiando, la gente è più attenta e cosciente dei problemi ambientali. Ma la strada è ancora lunga”.

Queste ‘brutte’ verdure stanno aiutando molti affamati e con questa organizzazione che diffonde l’amore per la “bruttezza” sempre più persone ne beneficeranno dando valore alle imperfezioni.

Le ricette del giorno

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963