BUONISSIMO
Seguici

Come stendere la pasta della pizza

Come stendere la pasta della pizza nel modo giusto? Si tratta di una fase molto importante, fondamentale per la buona riuscita della preparazione.

Come stendere la pasta della pizza

Quanto è buona la pizza fatta in casa? E quanto può essere divertente prepararla, magari con la giusta compagnia? Bisogna tenere a mente, in ogni caso, alcuni preziosi consigli. Relativi, soprattutto, a come stendere la pasta della pizza nel modo giusto. Si tratta di una fase molto importante, probabilmente fondamentale per la buona riuscita della preparazione. Prendete nota, allora: di metodi ce ne sono ben tre.

Come stendere la pasta della pizza: con le mani 

Il procedimento più classico per stendere l’impasto (l’unico se si vuole preparare una vera pizza napoletana, dai bordi piuttosto spessi) è utilizzare le mani, che devono essere ben infarinate: qualcuno consiglia anche di umettarle con un goccio d’olio extravergine d’oliva. Si prende l’impasto preparato in precedenza (leggi qui come realizzare un perfetto impasto veloce) e lo si posiziona su un piano di lavoro sufficientemente ampio, ben infarinato. Il segreto, per i pizzaioli consumati, è quello di staccare piccole porzioni d’impasto, una per ogni pizza, e di stenderli con i polpastrelli, in modo che la morbidezza della pasta non ne risenta e tanto da favorire la formazione di piccoli avvallamenti, utili ad assorbire meglio ogni tipo di condimento. Le spinte e le pressioni non devono essere troppo marcate e il movimento dei polpastrelli deve andare dal centro verso il bordo della pasta, quasi a spingere le bollicine della lievitazione verso il cornicione. Piccola dritta: se dovessero formarsi dei piccoli buchi durante l’operazione, sarà sufficiente aggiungere un pezzettino d’impasto esercitando una leggera pressione con le dita per uniformare la superficie dello stesso.

Come stendere la pasta della pizza: in teglia

Quello appena descritto è il procedimento da seguire nel caso si abbia a disposizione un forno a legna. Ma quante case ne sono dotate? Ben poche, a dire la verità. Se si utilizza un comune forno elettrico, l’impasto va steso direttamente nella teglia, che deve essere ben oliata oppure ricoperta di carta da forno. L’impasto va posizionato proprio al centro della teglia e poi steso con cura, nella modalità descritta in precedenza. Per variare lo spessore della pizza occorre esercitare una piccola pressione con le dita e con i palmi delle mani, fino a raggiungere la consistenza desiderata.

Pizza che passione, 14 milioni di pizzaioli fai-da-te in Italia

Come stendere la pasta della pizza: con un mattarello

Un altro metodo prevede l’utilizzo di un mattarello da cucina, o comunque di un’asse di legno. Dopo aver infarinato l’asse, si posiziona l’impasto al centro e lo si stende con l’aiuto di un mattarello. Per far in modo che la pasta per pizza non si attacchi, bisogna cospargere la superficie con un po’ di farina bianca, facendo lo stesso anche con il mattarello. Una volta stesa, la pasta va posizionata all’interno di una teglia ricoperta da carta forno, per le operazioni di cottura.

Le ricette del giorno

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963