BUONISSIMO
Seguici

Ricette con Moscato

Vitigno aromatico per spumanti e passiti, il Moscato è uno dei vini dolci più famosi del mondo che si distingue per il suo bouquet aromatico, con note di muschio e noce moscata Un'uva aromatica tra le più coltivate al mondo. Sapere come vinificare il moscato perfette di creare dei perfetti abbinamenti con i piatti

Moscato, proprietà principali

Il Moscato indica una famiglia di vitigni, a bacca bianca o a bacca nera, da cui si ricavano gli omonimi vini. Già conosciuto da greci e romani, la sua coltivazione ha origini nell’est del Mediterraneo e venne introdotta in Italia ai tempi della Magna Grecia. Esistono tre famiglie di queste uve: moscato bianco, moscato nero, moscato rosa. La varietà a bacca bianca risulta la più pregiata e il suo nome deriva da muscum (muschio) che rimanda al profumo intenso che lo contraddistingue ma non è da escludere un riferimento alla noce moscata. Alla vista è caratterizzato da un colore giallo paglierino e riflessi dorati mentre al naso ha un profilo dolce e aromatico, fragrante e muschiato, con note fruttate e floreali. È  un’uva dalle ottime proprietà aromatiche, ottima anche per un consumo da tavola. Si presta bene sia alla spumantizzazione che all’appassimento. Nel primo caso la gradazione alcoolica varia dai 5,5 a 9% e sono ottenuto con una tecnica che ricorda pratiche tipiche dei vini di Champagne. Di tipo molto diverso sono i cosiddetti moscati liquorosi, classificati appunto come vini liquorosi che presentano un tenore alcolico che va dai 14° ai 16°. In questo secondo caso, sono realizzati per appassimento delle uve che vengono pigiate e lasciate fermentare spesso con le stesse bucce, il cui esempio più noto è il Moscato di Siracusa. Come il vino passito, il Moscato si rivela molto performante come vino da dessert abbinato con pasticceria secca, dolci a base di frutta e con il panettone per il brindisi di fine anno. Per le pietanze salate l’ideale sono i salumi, le carni bianche e i secondi a base di pesce.

Moscato, Valori nutrizionali

100 g di Moscato apportano circa 82 calorie distribuite in 25,1% carboidrati, 0,3% proteine, 0% grassi, 74,6% alcol che equivalgono a 67 calorie contenute in un bicchiere.

Moscato, benefici e controindicazioni

La ricerca dimostra che una moderata quantità di vino rosso è salutare per il cuore e per beneficiare dei potenti antiossidanti in esso contenuti che svolgono un ruolo di difesa per il nostro corpo distruggendo un eccesso di radicali liberi. Moderate quantità di vino moscato possono anche contribuire ad aumentare i livelli di colesterolo buono (HDL).

Domande frequenti

A che temperatura va servito il Moscato?

I vini da uve Moscato vanno degustati a temperature fresche: 6-8° C per gli spumanti dolci, 10-12° C per i vini fermi e passiti.

  1. Pesche ripiene
  2. Sformato di albicocche
  3. Mousse di ricotta e fragole al Moscato d’Asti Docg
  4. Bavarese al moscato
  5. Biscotti rustici
  6. Crostini con brie pere e nocciole
  7. Ricetta meringa di albicocche
  8. Ricetta Zabaione caldo al limoncello e insalata con fragole
  9. Ricetta fichi ripieni
  10. Mousse al vino dolce

Le ricette del giorno

© Italiaonline S.p.A. 2023Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963