BUONISSIMO
Seguici

Storia e origini della pasta alla siciliana

La pasta alla siciliana è una ricetta gustosa a base di ragù, uovo e pecorino, una pasta al forno deliziosa! Scopri storia, ricetta originale e varianti.

Storia e origini della pasta alla siciliana

La pasta alla siciliana è una pasta al forno carica e abbondante, con un condimento composto da ragù, uovo e pecorino. Una ricetta facile che viene realizzata soprattutto d’estate ma, data la sua carica, è perfetta anche per l’inverno. La pasta al forno è un formato di pasta molto comune in Italia, che ha visto il diffondersi di tante varianti diverse, ma in tutte loro si prepara in teglia ed è buonissima anche fredda. Ecco perché viene preparata quando ci sono tanti ospiti a tavola: si può cucinare in anticipo e godersi la compagnia!

Come è nata la pasta alla siciliana

Non è facile stabilire quando sia nata la pasta alla siciliana ma le origini, probabilmente, coincidono con la diffusione dell’agricoltura e la produzione della pasta. In epoca etrusco-romana si consumava un formato chiamato "lagana", che si cuoceva in forno con un condimento.

Per quanto riguarda il sud, la diffusione della pasta al forno dovrebbe coincidere con la dominazione araba del IX secolo. Dagli arabi si sarebbe ereditata la tradizione dei timballi pasta ‘ncasciata o ‘mpurnata, che ancora oggi si traduce in piatti come gli Anelletti alla palermitana, Pasta al forno alla napoletana (tipicamente con polpettine) e Pasta china (pasta al forno alla calabrese).

La ritroviamo, inoltre, nel capolavoro di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, in cui un timballo di maccheroni diventa protagonista di una tavolata dell’aristocrazia siciliana risorgimentale.

Nel corso del tempo la pasta al forno si è diffusa in tutta Italia come pasticci e sformati di varia dimensione, che usano paste secche e per lo più corte, spesso nella forma e consistenza di un timballo, come ad esempio quello di anellini.

Pasta alla siciliana: ricetta originale

La pasta alla siciliana è molto semplice da preparare e ha il vantaggio di poter essere condita a piacere in molti modi. La ricetta originale, però, prevede di cominciare dalla carne, che va cotta in un soffritto di cipolla, a cui si aggiunge la passata di pomodoro con il sale. La cottura del sugo richiede circa un’ora e nel frattempo si prepara la pasta.

Intanto che il forno si riscalda a 200 gradi, a parte bisogna sbattere le uova in un piatto, aggiungere pepe e metà del pecorino. Una volta cotta, la pasta deve essere condita con il ragù.

A questo punto, in una pirofila unta bisogna disporre uno strato di pasta, quindi condire con formaggio, pangrattato e qualche cucchiaiata d’uovo alternando gli ingredienti fino a quando finiscono. A conclusione, una spolverata di pecorino quindi si inforna per 40 minuti.

La pasta alla siciliana è pronta quando si forma una bella crosticina sulla superficie ma va consumata una volta che si è raffreddata.

I segreti per un’ottima pasta alla siciliana

La pasta alla siciliana si prepara con un formato di pasta corta, ma se di semola di grano duro, il condimento dovrà essere abbondante e soprattutto, prima di infornarla, è bene sottoporla ad una precottura al dente.

Per quanto riguarda il formaggio da utilizzare nella pasta alla siciliana, solitamente provola, mozzarella e formaggi morbidi accompagnano bene qualsiasi tipo di pasta. Per un sapore leggero e delicato, il migliore è la ricotta, per un sapore più intenso, invece, burro e parmigiano sono i più saporiti.

La teglia deve essere unta per bene sia sul fondo che sui bordi, utilizzando olio o burro, oppure, per ridurre i grassi, con una spolverata di pangrattato.

La pasta al forno tradizionalmente si prepara in una teglia abbondante e da qui si può dividere in tanti contenitori per congelarla una volta pronta. Basterà scongelarla e riscaldarla al microonde per gustare nuovamente tutto il suo sapore.

Le varianti della pasta alla siciliana

Una versione bianca di pasta al forno è la pasta al forno con besciamella, dove questo ingrediente va a sostituirsi alla passata di pomodoro o in generale al ragù. Un’alternativa che unisce il pomodoro alla mozzarella, invece, è la pasta pasticciata con ragù e mozzarella, un tripudio di sapori e gusto.

Se invece hai voglia di una pasta al forno particolare con ingredienti diversi prova la Pasta al forno con besciamella funghi e prosciutto: in questo caso, questi due ultimi ingredienti sostituiscono il ragù e vanno ad arricchire un piatto che diventa ancora più gustoso.

La versione napoletana della pasta al forno sono gli ziti alla napoletana, in cui si usa un formato di pasta, gli ziti, appunto, con un condimento fatto da ragù di carne, caciocavallo, mozzarella e verdure.

Le ricette del giorno

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963