BUONISSIMO
Seguici

Burro salato

Il burro salato è molto usato soprattutto nel Nord Europa: ecco come viene impiegato in cucina e quali sono le sue caratteristiche. Burro salato

Sebbene il suo utilizzo sia tipico dei Paesi del Nord Europa, il burro salato è reperibile facilmente anche in Italia e viene inserito in numerose ricette per dare un tocco di sapore in più. Si differenzia dal classico burro solo per l’aggiunta di sale, che contribuisce non solo a renderlo maggiormente sapido, ma anche a conservarlo più a lungo. Ecco tutte le caratteristiche e gli usi di questo prodotto.

Burro salato, le caratteristiche

Il burro salato nasce in Bretagna, una storica regione francese da secoli dedita alla produzione di latte. In origine, e per lungo tempo, il sale utilizzato per la realizzazione di questo prodotto era quello di Guérande, una piccola cittadina le cui saline sono rinomate in tutta Europa. La preparazione del burro salato è in tutto e per tutto uguale a quella del comune burro: solo al termine dei lunghi processi cui il prodotto viene sottoposto, vi è un’ulteriore fase dedicata alla salatura.

Burro salato, i valori nutrizionali

Come già accennato, il burro salato non si distingue particolarmente da quello tradizionale, anche per quel che riguarda i suoi valori nutrizionali. Prevalentemente composto da grassi saturi, un cucchiaio contiene circa 100 kcal ed è ricco di nutrienti importanti quali il calcio e il potassio, ma anche di vitamine come la A, la D e la E. Inoltre è una grande fonte di sodio: in un cucchiaio se ne possono trovare ben 90 mg. Per questo motivo è bene fare attenzione con le dosi, soprattutto se si segue una dieta povera di sodio o se si hanno problemi di ipertensione. Allo stesso modo, vista la quantità di colesterolo in esso presente, è meglio evitarne il consumo se si soffre di ipercolesterolemia.

Burro salato, come si usa

Il burro salato trova ampio impiego in molte preparazioni: può essere usato in ricette salate, per dare vita a deliziosi soufflé oppure per mantecare dei buonissimi risotti. Ma viene utilizzato anche in ricette dolci, alle quali dona un sapore decisamente particolare. Per via del suo contenuto di sale, se volete usarlo in sostituzione del comune burro ricordate di assaggiare le varie pietanze durante la preparazione, affinché non siano troppo sapide.

LEGGI TUTTO
  1. Butterstollen
  2. Tronchetti al burro salato
  3. Barchette di patate al profumo di salvia

Le ricette del giorno

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963