BUONISSIMO
Seguici

Quinoa rossa

La quinoa rossa è un cereale molto versatile, ottimo anche per chi è celiaco: scopriamo le sue caratteristiche e i valori nutrizionali. Quinoa rossa

La quinoa rossa è una delle oltre 200 varietà conosciute della quinoa. Da un punto di vista merceologico la quinoa viene classificata tra i cereali, nonostante botanicamente appartenga alla famiglia delle Chenopodiacee, la stessa di piante erbacee come lo spinacio o la bietola. La classificazione tra i cereali (o meglio tra gli pseudocereali) deriva dal fatto che dalla macinazione dei semi di questa pianta è possibile produrre farina.

Quinoa rossa, origine e caratteristiche

L’origine della quinoa, anche nella sua varietà rossa, viene solitamente collocata tra Perù e Bolivia, in corrispondenza del lago Titicaca. La quinoa è un alimento conosciuto fin dall’antichità, molto diffuso tra i Maya e gli Inca. La diffusione era dovuta soprattutto alla forte resistenza di questa coltura, capace di crescere anche tra le alture delle Ande. La quinoa rossa, rispetto alla varietà bianca (la più diffusa in Italia), presenta le medesime proprietà nutrizionali. La principale differenza consiste nel fatto che la varietà rossa ha bisogno di una cottura più lunga. Particolarmente ricca di proteine, si adatta molto bene a diete vegetariane o comunque povere di proteine animali. L’assenza di glutine, inoltre, la rende perfetta per chi soffre di celiachia.

Quinoa rossa, i valori nutrizionali

La quinoa rossa ha un buon contenuto calorico, circa 350 kcal per 100 grammi di prodotto. Sempre considerando 100 grammi di alimento, troviamo 64 grammi di carboidrati, 14 di proteine e circa 6 di grassi. Ad ogni modo il contenuto di grassi è prevalentemente di tipo insaturo. Tali sostanze conferiscono alla quinoa rossa una potente azione antinfiammatoria. Tra i sali minerali, invece, contiene importanti quantità di fosforo e potassio.

Quinoa rossa, come si usa

La quinoa rossa deve essere consumata previa cottura, e può essere utilizzata in cucina con le medesime modalità di altri cereali. Molto interessanti sono i derivati, come i fiocchi di quinoa o la farina. Quest’ultima, essendo priva di glutine, può essere utilizzata per prodotti da forno per celiaci: tuttavia occorre ricordare che l’assenza di glutine rende difficoltosa la lievitazione.

LEGGI TUTTO
  1. Pilaf di quinoa con mele e mirtilli

Le ricette del giorno

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963