BUONISSIMO
Seguici

Come eliminare l'odore di pesce in modo semplice e veloce

È la principale controindicazione, se non l'unica, di un buon piatto di pesce: stiamo parlando dello sgradevole odore che si diffonde in casa.

Come eliminare l'odore di pesce in modo semplice e veloce

È la principale controindicazione, se non l’unica, di un buon piatto di pesce: stiamo parlando di quello sgradevole odore che si diffonde per tutta la casa. Si forma durante la preparazione della ricetta e poi sembra non andar più via, permanendo nell’ambiente per ore e ore, a volte addirittura giorni. E dire che il pesce è un alimento buonissimo e ricco di virtù, dalle eccezionali proprietà nutrizionali oltre che molto leggero. Eliminarlo dalla nostra dieta, insomma, sarebbe inutile e anzi dannoso. E allora cosa fare? Ecco alcuni consigli utili su come eliminare l’odore di pesce in modo semplice e veloce.

Come cucinare il pesce senza cattivi odori

Partiamo anzitutto da un consiglio utile durante le operazioni di cottura del pesce bollito. Se non volete che faccia odore, basta mettere nell’acqua di bollitura qualche foglia di alloro. Durante la cottura il cattivo odore non ci sarà e potrete assaporare il vostro piatto in assoluta serenità. C’è un trucchetto anche per le fritture: una scorza d’arancia nell’olio, un vero e proprio dolcificante naturale per tutto l’ambiente. E per il pesce al forno? In questo caso, il consiglio è quello di far bollire la buccia di un limone in acqua e di posizionarla poi nel forno per alcune ore in una ciotola, in modo che possa catturare l’odore del pesce cotto.

Come far sparire il cattivo odore del pesce

Se invece avete giù cucinato il pesce e senza prendere le dovute precauzioni, vi serve qualche dritta per eliminarne la puzza in tempi rapidi. La prima cosa da fare, in questi casi, è quella di chiudere gli scarti o i resti del pesce in una busta chiusa e sigillata, da disporre subito all’esterno dell’abitazione; se avete un terrazzo o un giardino sarebbe l’ideale, ma anche il balcone può andar bene. Provvedete anche a pulire subito tutte le superfici su cui avete poggiato il pesce, dal lavello alla cucina, facendo anche attenzione a eventuali schizzi sulle piastrelle durante la cottura: il detersivo più indicato, in queste circostanze, è a base di limone o bicarbonato.

​La cottura del pesce al cartoccio

Eliminare il cattivo odore del pesce: qualche altra dritta

Un vecchio trucco naturale per ripulire l’ambiente dopo la cottura, in particolare quella del pesce, prevede di mettere a bollire dell’acqua in una pentola con dei rametti di rosmarino o con delle foglie d’alloro. Ottimi anche i chiodi di garofano e la scorza d’arancia o di un mandarino. La pentola va poi posizionata in cucina o nel soggiorno, in modo da assorbire tutti gli odori sgradevoli.  Infine, le stoviglie: anche in questo caso, meglio lavarle subito con un detersivo specifico, oppure semplicemente con acqua calda e bicarbonato. Se usate la lavastoviglie, potete utilizzare come detergente la stessa mistura.

Le ricette del giorno

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963