BUONISSIMO
Seguici

Ricette con Crioli

I crioli non sono altro che un formato di pasta lungo tipico del Molise. Il suo impiego è molteplice e i primi piatti che si possono realizzare sono gustosi e invitanti. Ecco tutti i dettagli Crioli

I crioli sono originari del Molise e simili ai maccheroni alla chitarra. La loro particolarità è che vengono tagliati a mano, sono lunghi e a sezione quadrata. Molto apprezzanti ormai anche nel resto dell’Italia, nel tempo hanno subito una serie di rivisitazioni: dalla tradizione all’innovazione.

Crioli, le caratteristiche

Prendono il nome dai lacci delle scarpe dei pastori, le chiochie. La consistenza è ideale per i condimenti molto saporiti come il ragù di carne di pecora e la salsa al pomodoro con il peperoncino. Durante le feste natalizie, sono spesso conditi con il sugo di baccalà e noci tritate, con aglio e peperoncino.

Crioli, i valori nutrizionali

I crioli sono un tipico formato di pasta molisano. In quanto tali, ogni 100 grammi di prodotto, contengono 353 kcal e 1476 kJ. Di queste l’84,8% è composto da carboidrati; il 3,57% da grassi e il 12,35% da proteine. Inoltre contengono 10,80 g di acqua; 4,20 g di zuccheri solubili; 10,90 g di proteine; 2,70 g di fibre e una quantità considerevole di sali minerali. Nello specifico: 4 mg di sodio; 192 mg di potassio; 1,40 mg di ferro; 22 mg di calcio; 189 mg di fosforo; 51 mg di magnesio; 1,15 mg di zinco; 0,32 mg di rame e 2,70 µg di selenio. Le vitamine del gruppo B sono così distribuite: 0,10 mg di B1; 0,20 mg di B2; 2,50 mg di B3. Inoltre ci sono tracce di vitamina E.

Crioli, i benefici e le controindicazioni

La pasta, e quindi anche i crioli, riesce a saziare molto facilmente. La quantità che viene consigliata per un consumo salutare è 80 g a porzione. Le vitamine del gruppo B sono alleate del sistema nervoso. I sali minerali sono maggiori nella versione integrale, ma comunque sono presenti e fanno bene al cervello. Il fatto che ci siano poche quantità di sodio e siano presenti le fibre fa sì che faccia bene anche nella prevenzione alle malattie cardiovascolari. L’amido dà una buona dose di energie a lento rilascio: motore per mente e corpo. Se non condita in maniera troppo elaborata, la pasta è facilmente digeribile, molto dipende dalla ricetta che si intende realizzare.

Le quantità eccessive di pasta fanno ingrassare, sia a pranzo che a cena, ma se la si consuma con criterio le calorie possono essere gestite senza troppe difficoltà. La pasta la sera, poi, secondo alcuni esperti aiuta a contrastare il diabete e l’insonnia. Inoltre, è considerata un antistress perché contiene un’elevata dose di triptofano.

Il consumo di pasta è sconsigliabile quando si assumono determinati farmaci o altre sostanze. Quella fresca e integrale può andare in contrasto con alcuni integratori di ferro perché ne altera l’assorbimento. Le fibre non vanno ingerite se si soffre di diarrea e si tratta di un alimento che non va bene per i celiaci, visto che contiene glutine. Ormai in commercio ci sono valide alternative per non dover rinunciare all’ingrediente principe della dieta mediterranea.

LEGGI TUTTO
  1. Crioli con le noci

Le ricette del giorno

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963