BUONISSIMO
Seguici

Ricette con Arzilla (razza chiodata)

L'arzilla, conosciuta anche come razza chiodata, è un pesce magro e privo di lische: ecco come usarlo in cucina e quali sono le sue proprietà nutrizionali. Arzilla (razza chiodata)

La razza chiodata, conosciuta anche con il nome di arzilla, che deriva dal dialetto romanesco ed è ormai un’espressione diffusa in tutta Italia, è un pesce cartilagineo. Il suo habitat naturale è rappresentato dalle acque europee e da quelle atlantiche della costa africana. La si trova molto facilmente nel Mediterraneo, sia in mare aperto che nei pressi della costa.

Arzilla, proprietà principali

L’arzilla, il cui nome scientifico è Raja clavata, è una specie di razza dal corpo appiattito e dalle ampie pinne pettorali, solitamente di colore marrone chiaro o grigio. Ha notevoli dimensioni, dal momento che l’adulto può raggiungere anche un metro di lunghezza. È chiamata razza chiodata perché il suo corpo è interamente ricoperto di piccoli denti ricurvi e pungenti. Non è una varietà di pesce molto pregiata perché le sue carni, seppure magre e prive di lische, non sono molto tenere.

Arzilla, valori nutrizionali

L’arzilla è un pesce a basso contenuto calorico: in una porzione di 100 grammi troviamo circa 70 kcal. È un’ottima fonte di proteine, mentre ha un bassissimo apporto di grassi e di carboidrati. Le sue carni hanno un buon quantitativo di sali minerali come ferro, calcio e fosforo, quest’ultimo molto importante per la salute delle ossa e dei denti. Tra le vitamine troviamo invece principalmente quelle del gruppo B, che permettono un corretto sviluppo del sistema nervoso. Vi è infine una buona percentuale di acidi grassi polinsaturi, che fanno bene al cuore.

Arzilla, usi in cucina

La razza viene largamente impiegata nella preparazione di brodi di pesce e vellutate, alle quali conferisce un tocco di sapore in più. Le sue carni sono valorizzate principalmente se impanate e fritte, oppure dalla cottura in umido. Essendo molto digeribile, questo alimento può essere preparato bollito e lo si può dare tranquillamente anche ai bambini, visto che è privo di lische. Nel Lazio vi è una ricetta tipica che prevede l’uso dell’arzilla, abbinata ad una minestra di broccoli.

LEGGI TUTTO
  1. Minestra di broccoli e arzilla con malfatti di curcuma
  2. Guance di Arzilla, aglio nero fermentato, zucchine e tapioca

Le ricette del giorno

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963