BUONISSIMO
Seguici

Ricette con Mostarda Bolognese

La mostarda bolognese è un ingrediente dal sapore unico e inconfondibile che arricchisce tantissime preparazioni della tradizione. Scopriamola. Mostarda Bolognese

La mostarda bolognese è un ingrediente straordinario della tradizione emiliana che affonda le radici in secoli di cultura. Ha un sapore unico e inconfondibile ed è realizzata con ingrediente autentici e naturali, ai quali si affianca un procedimento di realizzazione che viene tramandato da secoli. La mostarda bolognese è una salsa a base di pere e mele cotogne che vengono cotte per più di 12 ore insieme a zucchero, polpa e scorze d’arancia. È utilizzata in cucina per farcire prodotti tipici regionali, torte, ciambelle e altri dessert.

Mostarda bolognese, proprietà

La mostarda bolgonese è un ingrediente di origini italiane dal gusto inconfondibile. Ha un sapore aspro e piccante che si differenza in maniera evidente dalla confettura, non solo per la sua preparazione, ma anche per il risultato finale. Anche se la consistenza a vista è simile a quella della marmellata, la mostarda bolognese è un ingrediente a sé stante. Può essere portata in tavola insieme a taglieri di formaggi misti, oppure può essere utilizzata per arricchire con gusto preparazioni dolci e salate.

Mostarda bolognese, valori nutrizionali

Per conoscere l’apporto calorico della mostarda bolognese dobbiamo prendere in considerazione i suoi ingredienti. Realizzata con mele e pere cotogne, questa preparazione include anche polpa, scorza d’arancia e zucchero, ingrediente quest’ultimo che arricchisce di gusto la salsa ma che la rende anche abbastanza calorica. Le calorie possono variare in base alle preparazioni che possono essere industriali, artigianali o casalinghe. In generale, comunque, in 100 grammi di prodotto troviamo circa 280 calorie suddivise in carboidrati e zuccheri.

Mostarda bolognese, usi in cucina

La mostarda bolgonese è un prodotto che arricchisce in maniera univoca la nostra dispensa, soprattutto per i tanti impieghi in cucina. Nella tradizione bolognese è utilizzata soprattutto per farcire la pinza dolce e le raviole, ma può anche essere utilizzata per insaporire secondi piatti a base di carne come i bolliti, per conferire a questi un sapore agrodolce unico. Tra le varianti più diffuse c’è quella che prevede anche l’inserimento di semi di senape nella ricetta originale.

LEGGI TUTTO
  1. Raviole di San Giuseppe

Le ricette del giorno

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963