BUONISSIMO
Seguici

Nespole, proprietà e ricette

Succose, leggere e ricche di virtù: le nespole sono dei piccoli frutti dall'aspetto simile alle albicocche, ma dal sapore lievemente più aspro.

Nespole, proprietà e ricette

Succose, leggere e ricche di virtù: le nespole sono dei piccoli frutti dall’aspetto simile alle albicocche, ma dal sapore lievemente più aspro. Si possono trovare sui banchi della frutta dalla primavera inoltrata, più o meno da maggio, al periodo autunnale e invernale ma, come vedremo, in realtà si tratta di due varietà diverse dello stesso frutto.

Nespole, storia e caratteristiche

Le nespole si differenziano – appunto – in due varietà: giapponese ed europea. La prima, che in realtà è originaria della Cina, è di colore giallo-arancione, con buccia sottile e polpa decisamente succosa: matura tra maggio, giugno e luglio. La seconda ha invece una consistenza più dura e aspra e può essere consumata solo giunta a maturazione, tra novembre e gennaio. Coltivata all’inizio lungo le rive del Mar Caspio intorno al 1.000 a.C., successivamente la nespola fu introdotta in Grecia e da lì in Italia. Un detto tipico recita: “Col tempo e con la paglia maturano le nespole” e serve a indicare l’attesa e la perseveranza necessarie a veder maturare questi frutti dopo il raccolto.

Nespole, calorie e virtù

Nel Medio Evo la nespola entrò di diritto a far parte della famacopea domestica, come febbrifugo, astringente, regolatrice delle funzioni intestinali oltre che come diuretico, attivo anche sull’apparato epato-biliare. Con un contenuto in acqua pari all’85% del suo peso, la nespola è anche uno dei frutti più ricchi di vitamina A e di potassio e dà sapore ad alcuni dolci. L’apporto calorico delle nespole per 100 grammi di prodotto è abbastanza contenuto: appena 28 calorie per la varietà europea, 47 per quella giapponese.

Nespole, benefici e indicazioni

Tra i principali benefici legati al consumo di nespole c’è quello della regolazione delle funzionalità intestinale ed epatica. Più il frutto è maturo, inoltre, maggiore è l’effetto lassativo. Una nespola non matura, di contro, ha comprovate proprietà astringenti. Cioè che delle nespole non va mai mangiato, invece, sono i semi: sono molto velenosi, dal momento che contengono al loro interno acido cianidrico.

Nespole, le ricette

Strette parenti delle albicocche, le nespole sono utilizzate in un gran numero di ricette. Per preparare deliziose confetture, ad esempio, oppure per arricchire una fantastica macedonia. Ma è nei dolci che si valorizza maggiormente il sapore gradevole e vivace delle nespole, come nel caso della squisita bavarese all’ananas.

Le ricette del giorno

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963