BUONISSIMO
Seguici

Ricette con Fichi d'India

I fichi d'India sono frutti dolcissimi dalle numerose proprietà benefiche che crescono nel Sud Italia negli ultimi mesi dell'estate e i primi dell'autunno. Conosciamo meglio le loro caratteristiche. Un frutto tagliato a metà e alcuni fichi d'India di colore rosso brillante, giallo senape e arancione chiaro posati su un piano rustico di legno

Fichi d’India, proprietà principali

Originario del Messico e naturalizzato in Italia soprattutto in Sicilia, Calabria, Puglia e Sardegna, il fico d’India è un frutto dolcissimo ma spinoso dalla forma e dai colori inconfondibili, che cresce sulle pale – anch’esse piene di aculei ed edibili se cucinate – di una pianta succulenta appartenente alla famiglia delle cactacee. Può essere bianco, giallo-arancione e rosso e per mangiarlo conviene prenderlo con una forchetta e praticare tre tagli col coltello: due alle estremità per eliminarle ed uno longitudinale da allargare per prelevare il frutto. Una volta pulito si conserva in frigorifero per 3-4 giorni, in un contenitore di plastica o acciaio coperto con un panno umido. Sono reperibili sul mercato da fine luglio a inizio novembre.

Fichi d’India, valori nutrizionali

I fichi d’India forniscono 53 calorie ogni 100 g. Contengono perlopiù acqua e zuccheri, oltre a fibra e una minima parte di proteine. Tra le vitamine la C è la meglio rappresentata, seguita da quelle del gruppo B e dalla A, mentre tra i sali minerali ricordiamo buone quantità di potassio, calcio e fosforo, oltre a sodio e ferro.

Fichi d’India, benefici e controindicazioni

I fichi d’India sono noti per il potere astringente contro la diarrea, motivo per cui è bene non consumarne troppi per evitare spiacevoli blocchi intestinali. Da evitare anche in caso di diverticolosi e allergia. Inoltre favoriscono il senso di sazietà, proteggono lo stomaco e contrastano i radicali liberi e l’invecchiamento cellulare, l’iperglicemia, l’obesità e il colesterolo cattivo a beneficio dell’intero apparato cardiocircolatorio. Stimolando la diuresi purificano i reni.

 

Domande frequenti

Come pulire i fichi d'India?

Il fico va infilzato con una forchetta, quindi con un coltello va praticata un'incisione sul lato lungo. Successivamente va separata la buccia esterna, quindi ricavata la polpa.

  1. Marmellata di fichi d'India
  2. Carpaccio di tonno ai fichi

Le ricette del giorno

© Italiaonline S.p.A. 2023Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963