BUONISSIMO
Seguici

Conserve, confetture, gelatine e Co.

Quando realizziamo una marmellata o anche una conserva, può capitare che utilizziamo il termine sbagliato per individuarla, ma c'è una bella differenza tra i vari termini che vengono comunemente utilizzati, proviamo a fare un poco di chiarezza in merito.

  • Marmellate

    Marmellate

    il termine "marmellata", secondo le ultime direttice CEE, va utilizzato soltanto per quei composti che utilizzano succo, polpa o purea di agrumi. Secondo queste definizione quindi possono essere chiamate marmellate soltanto quei composti che utilizzano gli agrumi, per cui è esatto dire "marmellata di limoni" mentre non lo è invece il termine "marmellata di kiwi", anche se nell'uso comune di tutti i giorni si fa un abbondante mix di tutti questi termini.

  • Marmellate, le ricette

    Marmellate, le ricette

    Il pregio di una marmellata di agrumi è nell'aroma che si libera all'apertura del barattolo, fresco e penetrante, basta pensare alla marmellata di arance o ancor di più a quella di limoni.
    A proposito, voi sapete prepararla?

    VAI ALLA RICETTA

  • Gelatine

    Gelatine

    Un caso a parte è quello costituito dalle gelatine, che utilizzano esclusivamente succo di frutta che deve raggiungere una percentuale minima del 35% del peso totale della gelatina preparata. Le gelatine di frutta possono essere utilizzate anche per arricchire la frutta di fine pranzo in preparazioni come questa:

    VAI ALLA RICETTA

Le ricette del giorno

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963