BUONISSIMO
Seguici

Frutta ... pericolosa!

La frutta costituisce una grande riserva di vitamine e di sali minerali, e andrebbe assunta con regolarità più volte al giorno, ma la sua bontà nasconde un pericolo, ecco i frutti da tenere sotto controllo e i rimedi per limitare le spiacevoli conseguenze derivanti dalla sua assunzione.

  • Le pere

    Le pere

    Anche le pere dovrebbero costituire un alimento giornaliero da assumere in quanto sono ricche di pectina, un tipo di fibra solubile che combatte il colesterolo cattivo ed aiuta ad aumentare il senso di sazietà.
    Purtroppo le pere contengono anche una discreta quantità di sorbitolo, un alcol zuccherino che si forma naturalmente e che viene anche aggiunto in alcuni prodotti come le gomme da masticare.
    Il sorbitolo viene assimilato molto lentamente dall'intestino tenue ed ha quindi il tempo di arrivare al colon, dove fermenta e produce i tanto odiati effetti che abbiamo evidenziato in precedenza.

  • Purtroppo non esiste un sistema per ridurre questi spiacevoli effetti, se non evitare di assumere questa frutta, oppure, dopo averla assaporata, fare del movimento, anche passeggiando, in maniera da favorire la digestione e velocizzare il transito del sorbitolo, una soluzione che ridurrà sensibilmente il gonfiore.

  • Ciliege, uva, mango ed ananas

    Ciliege, uva, mango ed ananas

    Le ciliege, un frutto delizioso che non vorremmo mai smettere di mangiare, al pari dell'uva, un chicco tira l'altro in un crescendo di deliziosi sapori e profumi!
    Ma come per tutte le cose anche qui c'è il risvolto della medaglia, che purtroppo non è affatto piacevole: tutti questi frutti infatti sono ricchissimi di zuccheri che, venendo assimilati molto lentamente dal nostro organismo producono gonfiore e sviluppo di gas.

  • Come porre rimedio? Un sistema infallibile non esiste, ma è stato verificato che, masticando a lungo ogni boccone, si riduce la formazione di gas intestinale, ovviamente inutile dire che limitare la quantità di frutta si rivela fondamentale e che diminuire la quantità di carboidrati e di zuccheri consumati nel corso della giornata aiuta molto il nostro organismo a smaltire senza conseguenze il surplus di zuccheri e di fibre fornito da questi frutti.

  • Albicocche secche, uva passa, prugne secche

    Albicocche secche, uva passa, prugne secche

    La frutta secca contribuisce in maniera rilevante a mantenere regolare il funzionamento del nostro sistema digerente, ma a volte può anche farci sentire come l'omino della Michelin!
    La causa è dovuta alla grande concentrazione di zuccheri e di fibre presenti in questo tipo di frutta, elementi che richiedono lunghi tempi di digestione con conseguente aumento dello sviluppo di gas intestinali e gonfiore di stomaco.

Le ricette del giorno

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963